mercoledì 25 luglio 2007

welcome to my world...

Buongiorno!
Il mio morale oggi si è un po' risollevato, anche se le preoccupazioni non mollano l'osso...
Ieri sera ho preparato la cena per i miei santoli che son venuti a farmi visita, ed in poco tempo sono riuscita a fare tutto.
Il menù prevedeva: penne alle melanzane e basilico, con ricotta a gradimento; involtini di pollo con carote, sedano e peperoni; peperonata ed insalata di pomodori, e per finire un bel gelato.
La cena è stata apprezzata e questo fa bene al mio ego ultimamente col morale a terra.

Volevo parlare di una cosa... Allora... Anche se un discorso non s'inizia con un'allora, volevo raccontarvi di un mio amico, un ragazzo che ho conosciuto l'anno scorso e con cui stavo davvero bene. Le cose si stavano evolvendo, ma io mi stavo riprendendo da una botta piuttosto consistente, così ho preferito lasciare il discorso e tornare ad un livello d'amicizia. Non mi andava di stare con una persona solo per colmare il mio "vuoto" interiore, pur essendo lui una persona stupenda e dolce all'inverosimile.
Poco tempo fa, risentendoci via sms, mi dice che ha trovato la fidanzata e che è abb contento. Io mi congratulo con lui e gli dico che sono DAVVERO contenta per lui; lui mi rassicura dicendomi che presto avrei trovato anche io il vero amore.

Passa dell'altro tempo, e ci risentiamo sempre per telefono. Lui mi risponde ad ora tarda, dicendomi che la sua girl non vuole che abbia contatti con me e che lui non vuole avere casini, così la asseconda.
Gli dico che mi dispiace non poterlo sentire e che comunque lei non dovrebbe sentirsi minacciata da me. Lui mi risponde comunque e sembra tranquillo.
L'altro ieri esordisco con un sms neutro, ovvero con un "Ciao, come stai?"... Non mi risponde, ma non me ne preoccupo.
Stamani trovo un sms della sua girl dell'una meno un quarto dove dice "Sono la sua morosa. Puoi smetterla di scrivergli? Ora sta con me. Punto."

Ho riletto questo sms per un po' perchè davvero non riuscivo a trovare un perchè a tanto accanimento.
Io le ho risposto, un tantino alterata "Quindi tu vieti al tuo fidanzato di sentire gli amici?"
Non ha replicato. Ho scritto l'ultimo messaggio a lui dicendo "Mi dispiace che lei si senta minacciata, ma non dovrebbe averne motivo, e mi dispiace che ti vieti di sentire gli amici. Porgile le mie scuse e dille che non volevo davvero intromettermi tra voi. E con questo, fine."

La conclusione è stata il mio personale rifacimento dell'sms della sua girl...ma non credo l'abbia capito.

La questione comunque resta questa: vi sembra giusto che il partner vieti i contatti con le persone che ci sono nella vita del proprio partner?
Mah...Sono ancora titubante su questa storia, perchè l'interesse per il suo ragazzo non c'è, e se lei ha paura che lui pensi ancora a me, significa che non è sicura della storia, o che lui le ha parlato di me in maniera diversa per aver così poco garbo nel far le cose..
non so ditemi che ne pensate.. Sono quasi sotto shock

1 commento:

Jaio ha detto...

Ben, cuant che l'amôr al s'in va al é inutil di córigi daûr. Sa nol jere amôr alore tant miôr. Par lâ dacuardi ben, al bisugne che il cjâf, il cûr e il cûl di dutandoi a sedin in armonie. Se un dai trê al mancje, une dí o chê âltre a si và a cirî di un'altre bande.
Daspó a tu someis masse sensibil par riscjâ di vê rognis.Ostie ancje tu a tu mi fâs filosofâ:-)